Ieri

IM000099

 

TRENTA ANNI DI APPASSIONATA RICERCA

 

La nostra storia fino al 2013

La ricerca sulle vecchie varietà di piante da frutto è partita circa trenta anni fa nei territori dell’Alta Valle del Tevere, antico crocevia di diverse regioni, Emilia Romagna, Toscana, Umbria e Marche.

Abbiamo avuto fin dall’inizio un interesse diretto alle tradizioni e usi popolari, ai sistemi di coltivazione e alla storia, anche alimentare, per verificare l’importanza che queste piante potevano avere avuto ai vari livelli della vita sociale, economica, religiosa e quanto altro.

Lo scopo fondamentale e primario è stato quello di salvare concretamente queste piante, lavorando quindi sempre con un carattere di estrema urgenza in quanto ogni anno abbiamo visto scomparire definitivamente sempre più numerose varietà  ed ecotipi. Siamo andati a cercare nei luoghi ancora abitati dagli anziani agricoltori dove era possibile ritrovare oltre alla frutta anche tutte le informazioni e conoscenze popolari inerenti. In seguito sono stati visitati anche i poderi abbandonati, antichi nuclei abitati, giardini parrocchiali, ville padronali e orti dei monasteri, soprattutto quelli di clausura. Molte informazioni e dati sono stati ottenuti dalla consultazione di vecchi manuali di agricoltura, dai testi delle cattedre ambulanti di agricoltura e dalla toponomastica.

La nostrà attività e i nostri riconoscimenti dal 1985 al 2013

 

La Fondazione Arborea Arborea dal 2014

IL COMITATO PROMOTORE (costituito da Isabella Dalla Ragione, Francesco Bistoni, Francesco Buccellato, Stefano Cimicchi, Emile Frison, Monica Guerzoni, Mario Marino, Federica Micheli, Stefano Padulosi, Tommaso Sediari)

ha promosso una campagna di sensibilizzazione e ha raccolto contributi e sostegni personali e materiali per la costituzione della Fondazione

IL 22 GENNAIO 2014 LA FONDAZIONE ARCHEOLOGIA ARBOREA ONLUS E' STATA COSTITUITA

 

Su questo Portale si utilizzano cookie tecnici per migliorare l'esperienza di navigazione e sono presenti servizi di terze parti (attinenti alle pagine "social" di Facebook, Twitter e Google) che potrebbero utilizzare cookie di profilazione. Se procedi nell'utilizzo del Portale in qualunque maniera (click, scorrimento, pressione del link "chiudi", ecc.), accetti esplicitamente l'utilizzo dei cookie presenti.